venerdì 3 febbraio 2012

Morning News



* Il dato più importante della giornata sarà oggi quello del consueto rapporto mensile sul mercato del lavoro Usa. Ieri Bernanke ha invitato i legislatori, osservando l'anemica crescita dell'occupazione che ha depresso la fiducia dei consumatori, a non tagliare la spesa troppo velocemente. Le attese sono per una crescita di 150.000 posti di lavoro in gennaio dopo i +200.000 di dicembre. Il dato di Adp sul solo settore privato ha mostrato mercoledì +170.000 unità contro attese di +185.000.

* Da questo lato dell'Atlantico invece verranno resi noti gli indici Pmi per il settore dei servizi di gennaio della maggior parte dei paesi della zona euro. Dalle stime flash di fine gennaio per Germania, Francia e zona euro era emerso, in qualche caso a sorpresa, un miglioramento. Per il terziario italiano è invece attesa ancora contrazione, con l'indice a 45,1 sebbene in leggero miglioramento dal 44,5 di dicembre.

* Mentre continano le negoziazioni per arrivare a un accordo sul debito greco, molta attenzione è volta a ogni commento da parte dei finanziatori internazionali circa l'evoluzione del pacchetto salva-stati. Oggi è in visita a Riyadh il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde. La settimana scorsa Lagarde ha detto che combinare le risorse del fondo salva Stati Efsf e l'Esm (European stability mechanism) aiuterebbe a restituire fiducia nell'Europa e a fornire una solida protezione contro la crisi greca.

* Stamane Naoyuki Shinohara, vice direttore generale Fmi, in una conferenza stamapa ha detto che i Paesi emergenti comprendono la necessità di potenziare le risorse dell'Fmi in un momento in cui i problemi dell'Europa interessano anche paesi al di fuori della zona euro rischiando di danneggiare l'economia mondiale.

* In Cina il Pmi per il settore dei servizi di gennaio stilato da Hsbc è rimasto invariato a 52,5 per il terzo mese consecutivo con nuovi ordini in crescita, anche se l'ottimismo resta ai minimi storici e la crescita dell'occupazione è ai minmi di tre anni. Il Pmi di HSBC fornisce una panoramica delle condizioni nelle imprese, dai ristoranti alle banche. Questo dato contrasta con il Pmi ufficiale reso noto sempre oggi che mostra un rallentamento a 52,9 in gennaio da 56,0 di dicembre, a causa della debolezza degli investimenti immobiliari. I due Pmi spesso divergono: quello di Hsbc raccoglie un maggior numero di piccole imprese.

* L'euro e il dollaro australiano sono poco variati in Asia in attesa del dato sul lavoro Usa. L'euro è a 1,3144/47 dollari in rialzo di 0,03% e a 100,14/16/18 in calo di 0,05%. Il dollaro è a 76,18/22 yen in calo dello 0,007%.

* Il prezzo del greggio è in leggero rialzo in Asia, con gli investitori che guardano ai rapporti tesi con l'Iran. Parlamentari Usa stanno considerando la possibilità di spingere Washington a inserire nella lista nera il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, e il leader supremo, Ayatollah Ali Khamenei, nel tentativo di contrastare lo sviluppo del nucleare nel paese. Il future Usa con scadenza marzo sale di 18 centesimi a 96,54 dollari il barile, il brent di 35 centesimi a 112,39 dollari.

* I Treasuries Usa hanno chiuso ieri poco variati, con gli investitori che tengono ancora il fiato sospeso prima del dato chiave di oggi sul lavoro e in attesa dellle negoziazioni per giungere a un accordo sullo swap del debito greco. Il benchmark decennale ha chiuso a 101-18/32 in rialzo di 1/32 per un rendimento di 1,826%.


DATI MACROECONOMICI

ITALIA
* Markit, Pmi servizi gennaio (9,43) - attesa 45,1.
* Istat, paniere dei prezzi al consumo per il 2012 (10,00).
* Istat, stima prezzi al consumo gennaio (11,00) - attesa dato Nic 0,2% m/m; 3,1% a/a; dato Ipca -1,8% m/m; 3,5% a/a.

FRANCIA
* Markit, Pmi servizi gennaio (9,48) - attesa 51,7.

GERMANIA
* Pmi servizi gennaio (9,53) - attesa 54,5.

GRAN BRETAGNA
* Cips, Pmi servizi gennaio (10,28) - attesa 53,5.

SPAGNA
* Pmi servizi gennaio (9,13) - attesa 43,0.

ZONA EURO
* Markit, Pmi servizi gennaio (9,58) - attesa 50,5.
* Markit, Pmi composito gennaio (9,58) - attesa 50,4.
* Vendite al dettaglio dicembre (11,00) - attesa 0,3% m/m; -1,3% a/a.

USA
* Occupati non agricoli gennaio (14,30) - attesa 150.000.
* Costo lavoro dipendente gennaio (14,30).
* Tasso disoccupazione gennaio (14,30) - attesa 8,5%.
* Media guadagni gennaio (14,30) - attesa 0,2%.
* Media ore lavorate gennaio (14,30) - attesa 34,4.
* Revisione nuovi ordinativi dicembre (16,00).
* Beni durevoli dicembre (16,00).
* Ordini industria dicembre (16,00) - attesa 1,5%.
* Ism non manifatturiero gennaio (16,00) - attesa 56,2.


BANCHE CENTRALI
SVEZIA
* A Stoccolma riunione consiglio banca centrale (13,00).

Nessun commento: